UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
ARGeNtWEB
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Flash-Jus

La CEDU interviene sul diritto di visita non rispettato

Con sentenza del 15 settembre 2016 la CEDU (Corte Europea dei diritti dell'uomo) ha condannato l'Italia per non aver saputo garantire il diritto fondamentale di un padre a vedere, anche dopo la separazione, il proprio figlio. In particolare la Corte ha spiegato come l'autoritÓ giurisdizionale italiana, non avendo saputo garantire una tutela effettiva ad un padre che da ben quattro anni non riusciva ad incontrare il figlio a causa dell'ostruzionismo della madre, ha violato l'art. 8 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo in forza del quale "ogni persona ha diritto al rispetto della propria vita privata e familiare e non pu˛ esservi ingerenza di un'autoritÓ pubblica nell'esercizio di tale diritto".

n░ 1434 - giovedý 10 novembre 2016
vai alla fonte Leggi oggi
tag Corte Europea diritti dell'uomo (CEDU) | Convenzione Europea diritti dell'uomo (CEDU) | Diritti fondamentali | Diritto di visita | Genitori



Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/20 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti