UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
ARGeNtWEB
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Flash-Jus

Dipendenza da Facebook? Si al licenziamento!

Con la sentenza n. 14862/2017, la Cassazione ha ribadito il principio secondo cui il lavoratore che sul posto di lavoro utilizza internet per fini personali, in materia sistematica e continua, Ŕ licenziabile per giustificato motivo soggettivo. Nel caso di specie, il numero e la durata delle connessioni avevano fatto intuire che il lavoratore aveva trascorso in "rete" una parte considerevole del suo tempo lavorativo. Secondo gli "Ermellini", l'azienda pu˛ usare strumenti di controllo per verificare l'utilizzo improprio di beni della societÓ indipendentemente dall'articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori al fine di sanzionare comportamenti illeciti idonei a incidere negativamente sull'attivitÓ economica dell'impresa nonchÚ la sicurezza e il regolare funzionamento degli impianti aziendali.

n░ 1494 - giovedý 22 giugno 2017
vai alla fonte Corte di Cassazione
tag Corte di Cassazione | Licenziamento | Lavoro | Diritto del lavoro | Lavoratore | Datore di lavoro | Giustificato motivo oggettivo | Giusta causa | Internet | Web | Facebook



Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/20 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti