UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
ARGeNtWEB
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Flash-Jus

Whistleblowing: arrivano le prime sentenze

L'istituto del whistleblowing Ŕ diventato pienamente operativo sia in ambito pubblico che in ambito privato. Una realtÓ che non Ŕ tardata a finire sotto la lente dei giudici. In particolare, la Suprema Corte di Cassazione, sez. lavoro, con sentenza del 9 maggio 2024 n. 12688, ha stabilito che per valutare un licenziamento "ritorsivo" nei confronti di un dipendente (in questo caso un dirigente) whistleblower Ŕ necessario prendere in considerazione il contesto complessivo inerente al licenziamento. Nel caso di specie, infatti, la Corte Territoriale avrebbe dovuto approfondire il contesto della vertenza, prendendo in considerazione una segnalazione whistleblowing inoltrata dal dirigente, anche se apparentemente non riconducibile alla giusta causa che ha dato vita al licenziamento.

n░ 2126 - giovedý 30 maggio 2024
vai alla fonte Corte di Cassazione
tag Sentenza | Cassazione | Lavoro | Segnalazione | Whistleblowing



Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/24 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti