UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
ARGeNtWEB
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Flash-Jus

CEDU: Ŕ pienamente legittimo vietare la fecondazione eterologa

La Grande Chambre della Corte Europea di Strasburgo ha stabilito, con la sentenza pubblicata il 03.11.2011, che vietare la fecondazione in vitro eterologa, cioŔ con gameti estranei alla coppia, non viola in alcun modo la Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo. Il divieto prescritto dalla legge austriaca, come da altre discipline normative in materia, al fine di garantire la certezza dell'identitÓ genitoriale, affonda le sue ragioni sulla necessitÓ di tenere conto che la dissociazione di maternitÓ e di paternitÓ, propria della tecnica eterologa, crea dei rapporti del tutto diversi rispetto a quelli che si determinano con l'adozione. Dunque, la Corte ribadisce il principio generale in base al quale, non essendoci orientamento condiviso, su temi tanto sensibili sul piano etico-giuridico Ŕ legittimo, opportuno e pienamente conforme alla Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo che ogni Stato mantenga la propria autonomia legislativa, nel rispetto dei principi delle carte fondamentali.

n░ 488 - giovedý 10 novembre 2011
vai alla fonte Guida al diritto - Il Sole 24 Ore
tag Diritti fondamentali | Fecondazione artificiale | LegittimitÓ | Divieto | MaternitÓ | Autonomia | Principi | Diritto civile | Diritto internazionale | Diritto UE | Unione Europea | Convenzione Europea diritti dell'uomo (CEDU)



Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/21 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti