UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
ARGeNtWEB
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Flash-Jus

Cassazione: violazione privacy e banche

In applicazione dell'art. 15, co 1, D.Lgs. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali), chi subisce un trattamento illecito dei dati personali da parte di un istituto bancario pu˛ ottenere il risarcimento del danno, ai sensi dell'art. 2050 c.c. Occorre, per˛, che venga accertato il nesso di causalitÓ tra l'attivitÓ esercitata e l'evento dannoso. Onere della prova in ordine a tale legame incomberÓ sul danneggiato; alla banca spetterÓ dimostrare di avere adottato tutte le misure idonee per prevenire il danno. Questo quanto stabilito dalla Corte di Cassazione (sent. n. 8451/2012) che si Ŕ pronunciata in merito ad una controversia nata da un errore di una banca che aveva inviato un estratto conto di un cliente all'indirizzo della madre che, rendendosi conto della situazione debitoria del figlio, aveva revocato la sua decisione di effettuare in suo favore una donazione. La Corte ha respinto il ricorso del correntista in quanto non Ŕ stato dimostrato che la decisione della madre era scaturita per colpa dell'errata comunicazione dell'istituto di credito.

n░ 709 - giovedý 14 giugno 2012
vai alla fonte Ratio Iuris
tag Informatica giuridica | Trattamento dati personali | Dati personali | Art. 2050 c.c. | Nesso di causalitÓ | Risarcimento del danno | ResponsabilitÓ civile | Onere probatorio | Banca | Codice privacy | D.Lgs. 196/2003 | Corte di Cassazione



Men¨ della sezione
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 2.1 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/20 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti