MOTORE DI RICERCA

ACCESSO STANZA VIRTUALE



            
ARGeNtWEB

Flash-Jus

Libertà del "non credo" religioso

La Corte di Cassazione, Prima Sezione civile, con sentenza n. 7893/2020 stabilisce che deve essere garantito il principio della parità di trattamento tra chi professa un credo ateo e agnostico e chi professa una qualsiasi forma di religiosità. Secondo i giudici di legittimità non è possibile avvantaggiare l'uno piuttosto che l'altro, "sia per effetto di una condotta posta in essere direttamente dall'autorità o da privati, sia in conseguenza di un comportamento, in apparenza neutro, ma che abbia comunque una ricaduta negativa per i seguaci della religione discriminata".

n° 1698 - giovedì 21 maggio 2020
vai alla fonte Corte di Cassazione
tag Corte Costituzionale | Sentenza | Religione | Credo religioso | Ateo | Agnostico



© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy · versione desktop · versione accessibile
XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0