MOTORE DI RICERCA

ACCESSO STANZA VIRTUALE



            
ARGeNtWEB

Flash-Jus

Cassazione penale: è reato vendere mascherine prive di certificazione se presentate come presidi medici

La Corte di Cassazione, III sez. Penale, con sentenza n. 29578 del 26/10/2020, ha stabilito che non commette alcun reato il grossista di "mascherine di collettività" prive di certificazioni. La Corte ha, infatti, chiarito che non è vero che "la cessione di qualsivoglia tipologia di mascherine da apporre di fronte al viso al fine di evitare la emissione di particelle di saliva nell'atto del respirare e del parlare o comunque di schermare gli organi periferici della respirazione", laddove prive della certificazione di regolarità alla normativa anti Covid-19, "integri la violazione dell'art. 515 cod. pen.". Tale norma, infatti, sanziona penalmente la cessione di beni "laddove questi siano diversi, per origine, provenienza, qualità o quantità, rispetto ai beni dichiarati o pattuiti". Integra, quindi, la fattispecie penalmente rilevante della frode nell'esercizio del commercio solo la vendita di mascherine, sprovviste del marchio CE, qualora vengano presentate come "chirurgiche", o comunque come presidi medici.

n° 1717 - giovedì 5 novembre 2020
vai alla fonte Corte di Cassazione
tag Art. 515 c.p. | Frode in commercio | Mascherine di collettività | Mascherine chirurgiche | Presidi medici | Certificazioni CE | COVID-19 | Corte di Cassazione



© 2004/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy · versione desktop · versione accessibile
XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0