Facoltà di
Giurisprudenza

Le lezioni magistrali

I corsi sono affiancati da un programma di lezioni magistrali, parte integrante della formazione degli studenti.
Il ciclo di lezioni è inteso come un momento di intenso dialogo intorno ad autorevoli esponenti della cultura giuridica italiana e internazionale tra studenti e docenti della Facoltà, con il coinvolgimento della comunità dei giuristi e in particolare dei giovani studiosi.

La collana della Facoltà

Le lezioni magistrali sono raccolte nella collana della Facoltà pubblicata per i tipi della Editoriale Scientifica e con il sostegno dell'Associazione Amici di Suor Orsola per la Promozione degli Studî Giuridici e dell'Associazione Laureati Suor Orsola Benincasa (ALSOB) - Sezione della Facoltà di Giurisprudenza (ALSOGIUR).
La collana, fondata da Francesco De Sanctis e Franco Fichera, è diretta dal luglio 2012 da Lucio d'Alessandro e Vincenzo Omaggio.
Il Consiglio scientifico è composto da Mariavaleria del Tufo, Francesco De Sanctis, Franco Fichera, Tommaso E. Frosini, Lucilla Gatt, Paolo Piscitello, Aldo Sandulli, Angelo Scala.

La partecipazione degli studenti

Il Consiglio di Facoltà ha deliberato che la partecipazione documentata degli studenti a un ciclo di lezioni magistrali (le lezione si svolgono tra marzo e maggio) e a un ciclo di incontri su Cinema Letteratura Diritto (gli incontri si svolgono tra ottobre e dicembre) in uno o più anni accademici, permetterà il riconoscimento di un punto ai fini del voto di laurea.

Il riconoscimento di crediti formativi

La partecipazione debitamente documentata al ciclo delle lezioni magistrali permette il riconoscimento di 4 crediti formativi per ogni ciclo.
I crediti sono riconosciuti a studenti e laureati del Suor Orsola e a soggetti terzi interessati (avvocati, notai, professionisti) che ne facciano richiesta.
Si precisa che per gli studenti del Suor Orsola i crediti riconosciuti non entrano nel calcolo dei crediti curriculari necessari ai fini del completamento del percorso di studi, ma vanno ad arricchire il curriculum vitae dello studente - così come del laureato o del terzo interessato - e sono spendibili nella prospettiva dell'inserimento professionale o dei processi formativi permanenti previsti dagli ordinamenti di diverse professioni.


Diritto e politica - a.a. 2016/17

Il rapporto tra diritto e politica ha segnato in maniera profonda la vicenda dello Stato moderno. Esso nasce con la positivizzazione del diritto, cioè con la sua liberazione da forze consuetudinarie e trascendenti sovraordinate per legarsi alla decisione politica, alla consapevole attività produttiva dell'uomo (politicizzazione del diritto); lo Stato moderno matura però come Stato di diritto, sottoponendo ai codici e alle costituzioni le forme e i contenuti delle sue decisioni (giuridificazione della politica) e realizzandosi come razionalità e ordinamento normativo.

La tensione costitutiva tra i due elementi resta un dato ineludibile: nessuna costituzione può eliminare la politica, nessuna politica può fare a meno dell'ordine giuridico.

Nel tempo presente, dominato dalla dimensione sovranazionale, si ripropone in termini inediti il tema di una legalità globale, capace di garantire al di sopra degli Stati e con la loro forza la tutela dei diritti inalienabili di ogni uomo (e non più soltanto del cittadino), alla luce dei solenni impegni della Carta delle Nazioni Unite. Nel contempo, sullo stesso scenario globale la nuova legalità deve mostrarsi in grado di costituire un argine e una guida nei confronti di quella pluralità di istituzioni pubbliche e private che regolano ambiti sempre più vasti e importanti della nostra vita quotidiana, dall'ambiente, al commercio, all'energia, alle comunicazioni, restando prive di connessione con le comunità politiche che vanno a regolare.

La tensione tra diritto e politica si manifesta oggi in modo particolare nel processo di trasformazione delle fonti del diritto massicciamente in atto, dove accanto al diritto proveniente dalle istituzioni politiche (hard law) riemergono con forza fonti non legislative (la consuetudine, il contratto, la giurisprudenza, la scienza giuridica) per operare come significativi formanti del mondo giuridico in un contesto di rinnovati rapporti tra società e Stato, in cui si rimettono in discussione le condizioni di un equilibrio sempre instabile tra il potere e le norme.

Programma

Martedì 21 marzo 2017 ore 15,30
Gianluigi Palombella
Scuola Sant'Anna di Pisa
La politica come limite al diritto? Contrasti normativi oltre lo Stato

Martedì 28 marzo 2017 ore 15,30
Salvatore Mazzamuto
Università di Roma Tre
Scienza giuridica, giurisprudenza, legislazione

Martedì 4 aprile 2017 ore 15,30
Vincenzo Cerulli Irelli
Università di Roma La Sapienza
Diritto amministrativo e politica

Mercoledì 12 aprile 2017 ore 11,00
Massimo Luciani
Università di Roma La Sapienza
Diritto costituzionale e politica

Mercoledì 19 aprile 2017 ore 15,30
Antonio Felice Uricchio
Università di Bari
Diritto finanziario e politica

Martedì 2 maggio 2017 ore 15,30
Giuseppe Guizzi
Università di Napoli Federico II
Tutela del risparmio e politica del diritto

Martedì 9 maggio 2017 ore 15,30
Paolo Ridola
Università di Roma La Sapienza
Comparazione costituzionale e politica

Martedì 16 maggio 2017 ore 15,30
Giovanni Fiandaca
Università di Palermo
Diritto penale e politica

Martedì 23 maggio 2017 ore 15,30
Ugo Mattei
Università di Torino
Ecologia e diritto civile: prove di dialogo

Archivio

12.1.2018

Presentazione dell'Allegato D - studenti in corso

11.1.2018

Info-day Erasmus - Facoltà di Giurisprudenza/Corso di laurea interfacoltà in Economia aziendale e Green Economy

19.12.2017

Bando per l'ammissione al master di I livello in E-Commerce Management (III edizione - a.a. 2017/18)

Flash Jus

19.12.2017

Bando per l'ammissione al corso di perfezionamento in Amministrazione degli enti locali (a.a. 2017/18)

30.10.2017
ARGeNtWEB

Calendario ARGeNtWEB (a.a. 2017/18)

© 2004/18 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0