Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
Dipartimento di Scienze umanistiche
Modalità di navigazione
Percorso
Contenuto

Servizio LePrE
Informazioni in tempo reale su orari delle Lezioni, Programmi di studio e appelli d'Esame

Versione stampabile

Lingua e traduzione inglese II
Corso di Laurea in Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale (Laurea magistrale)
SSD: L-LIN/12
Docenti: Emilia Di Martino, Gabriella Rammairone
Anno Accademico 2019/2020

 

Versione italiana

Prerequisiti
Il corso si rivolge a studenti la cui competenza comunicativa e capacità di analisi metalinguistica sia di livello avanzato. Gli studenti dovranno cioè essere in grado di comprendere e produrre testi complessi in lingua inglese. Dovranno inoltre padroneggiare concetti e nozioni avanzate di linguistica, sociolinguistica e analisi del discorso.

Obiettivi
Il corso si propone di contribuire al consolidamento: (1) di una matura consapevolezza dei meccanismi alla base della comunicazione socio- e inter-linguistica, soprattutto in relazione a domini d’uso professionali e a elevata specializzazione (padroneggiando registri, lessici settoriali e sottocodici) e di un’elevata capacità di analisi storico-critica e traduttiva di testi in lingua inglese; (2) della capacità di intendere e interpretare speditamente comunicazioni complesse, controllando i lessici specialistici, sapendo produrre testi orali e scritti, soprattutto di carattere professionale o critico, in diversi registri stilistici negli svariati contesti di comunicazione e scambio presenti in ambienti nazionali e internazionali (di natura istituzionale e amministrativa, culturale, turistica, commerciale ecc., ma anche didattica), autonomamente o anche con mansioni progettuali o di coordinamento (sia nel caso di contesti professionali sia nel caso di contesti scolastici e formativi); (3) della capacità di elaborare giudizi autonomi e ben argomentati su questioni anche complesse relative agli specifici ambiti di competenza, valutando status e prestigio delle varie lingue e produzioni letterarie e promuovendo azioni volte a favorire il superamento delle barriere linguistico-culturali, selezionando correttamente dati di natura linguistico e storico-culturale, elaborando personali e originali ipotesi interpretative e sviluppando, negli ambiti concreti di applicazione delle conoscenze acquisite (che si tratti dell'insegnamento, della comunicazione, della cooperazione, dell'integrazione ecc.), un approccio non solo teorico ma operativo, che consenta di elaborare e attuare efficaci strategie di risoluzione dei problemi incontrati; (4) di solide abilità comunicative, che permettano di padroneggiare agevolmente i molteplici registri dello scritto e del parlato in riferimento a destinatari di ogni estrazione e più o meno specializzati, mostrando di saper riassumere testi articolati e comunicarne il contenuto, oltre a elaborare chiare ed efficaci relazioni professionali; (5) della capacità di costruire in autonomia lessici specifici, utilizzare gli strumenti di analisi e i metodi di apprendimento sviluppati per gestire autonomamente il proprio aggiornamento professionale, individuare gli strumenti e i percorsi di formazione adeguati per lo sviluppo delle proprie conoscenze culturali e specialistiche e delle proprie competenze professionali.

Contenuto
Il corso di lingua (prof. Adrian Bedford) intende guidare gli studenti al raggiungimento di una competenza comunicativa corrispondente al livello C2 (CEFR). Intende richiamare competenze e abilità consolidate nel corso del primo anno, prestando particolare attenzione a fornire agli studenti i fondamenti dell’inglese per scopi speciali, declinato in una serie di contesti professionali che riflettono i settori più interessanti per un futuro laureato in lingue. Le lezioni del primo ciclo si concentreranno ogni settimana su un contesto professionale differente, individuando per ciascuno esempi tipici di interazione (scritta e orale). Gli studenti saranno così esposti a tipologie di materiali (multimediali e cartacei) rinvenibili in svariati contesti quali desk e back office di una grande impresa, di uno studio legale, di una compagnia di servizi finanziari, ecc., acquisendo così lo specifico lessico settoriale, ma anche studiando e imparando ad usare i tipi di interazione più usati in ambito professionale (riassumere e far riferimento a dati, organizzare e gestire incontri di lavoro, negoziazioni, relazioni con il pubblico, risolvere problemi).
Alla fine del primo ciclo gli studenti saranno guidati alla creazione di un CV (anche video).
Le attività del secondo ciclo saranno incentrate sulla preparazione della simulazione di un breve incontro/discussione delle Nazioni Unite. Si tratta di una “competizione collaborativa” guidata in cui gli studenti lavorano in gruppi alla preparazione di una mozione a favore della nazione che rappresentano, che sarà messa ai voti della classe. Il progetto migliore sarà scelto in seguito alla presentazione dei vari “position paper” in cui ciascuna squadra descrive i punti di forza e i problemi da affrontare della nazione che le e’ stata assegnata, dopo aver condotto un lavoro di ricerca, negoziazione, redazione scritta e presentazione orale e dibattito in un contesto multidisciplinare. Per tale lavoro, sara’ necessario richiamare conoscenze del mondo e sviluppare abilità primarie che torneranno utili agli studenti nella carriera post-laurea.


ll corso monografico intende fornire allo studente:
1. un quadro teorico relativo allo studio delle dinamiche legate al processo mediatico della rappresentazione degli attori sociali in una prospettiva legata agli studi su identità e potere nei loro più recenti sviluppi in ambito linguistico, attraverso l’uso di materiali autentici che saranno analizzati attraverso modalità, strumenti e metodologie di carattere applicativo al fine di stimolare il costante ricorso a un approccio critico a tipologie testuali diverse (prof. Emilia Di Martino).
2. una breve panoramica sullo stato dell’arte delle tendenze che stanno contribuendo a una rapida evoluzione delle tecnologie per la traduzione, sempre più pervasive nella pratica lavorativa quotidiana, per riflettere su come tali cambiamenti debbano necessariamente portare ad una didattica della traduzione e per dare agli studenti gli strumenti per poterle utilizzare in maniera consapevole, conoscendone limiti e vantaggi. Gli studenti utilizzeranno le tecnologie per la traduzione per raggiungere una elevata capacità di analisi storico-critica e traduttiva di testi in lingua inglese e per padroneggiare i differenti test afferenti a domini d’uso professionali e a elevata specializzazione relativamente ai registri, ai lessici settoriali e ai sottocodici)" (prof. Daniela Cuccurullo).

Testi adottati
Parte 1 (obiettivo 2: consolidare la capacità di intendere e interpretare “speditamente comunicazioni complesse, controllando i lessici specialistici, sapendo produrre testi orali e scritti, soprattutto di carattere professionale o critico, in diversi registri stilistici” “negli svariati contesti di comunicazione e scambio presenti in ambienti nazionali e internazionali, autonomamente o anche con mansioni progettuali o di coordinamento; obiettivo 4: consolidare “solide abilità comunicative”, che permettano di padroneggiare “agevolmente i molteplici registri dello scritto e del parlato in riferimento a destinatari di ogni estrazione e più o meno specializzati”, mostrando di “saper riassumere testi articolati e comunicarne il contenuto, oltre a elaborare chiare ed efficaci relazioni professionali”; obiettivo 5: capacità “di costruire in autonomia lessici specifici, utilizzare gli strumenti di analisi e i metodi di apprendimento sviluppati per gestire autonomamente il proprio aggiornamento professionale, individuare gli strumenti e i percorsi di formazione adeguati per lo sviluppo delle proprie conoscenze culturali e specialistiche e delle proprie competenze professionali”) – prof. Bedford:
• Navigate Coursebook and Workbook C1 Bartram and Pickering Oxford University Press.
• Gli studenti frequentanti e non devono essere in grado di affrontare testi e verifiche della tipologia afferente gli esami più diffusi del livello C1 raggiungendo un livello pienamente consono al C2. All’uopo si possono preparare su testi quali il Gold Advanced Coursebook o il Cambridge Gold CAE della Cambridge University Press.
Parte 2 (obiettivo 1: "un’elevata capacità di analisi storico-critica e traduttiva di testi" in lingua inglese; obiettivo 2: consolidare la capacità di intendere e interpretare “speditamente comunicazioni complesse, controllando i lessici specialistici, sapendo produrre testi orali e scritti, soprattutto di carattere professionale o critico, in diversi registri stilistici” “negli svariati contesti di comunicazione e scambio presenti in ambienti nazionali e internazionali, autonomamente o anche con mansioni progettuali o di coordinamento; obiettivo 5: capacità “di costruire in autonomia lessici specifici, utilizzare gli strumenti di analisi e i metodi di apprendimento sviluppati per gestire autonomamente il proprio aggiornamento professionale, individuare gli strumenti e i percorsi di formazione adeguati per lo sviluppo delle proprie conoscenze culturali e specialistiche e delle proprie competenze professionali”) – prof. Cuccurullo:
• Menduni E and D’Autilia G (trad. Bedford, A.), Il Sorpass. Quando L’Italia si mise a correre. Lucecinecittà, SilvanaEditoriale
• Di Sabato, B., Di Martino, E., Testi in viaggio. Torino: UTET, 2011.
• Di Sabato, B., Mazzotta, P., Di Martino, E., Pergola, R. Apprendere a tradurre, Tradurre per Apprendere. Bari: Pensa, 2012, capp. 4, 6, 8, 10.
• Osimo, B. Traduzione e nuove tecnologie. Hoepli, 2001.
• Faini, P. Manuale teorico-pratico. Carocci, 2008.
Parte 3 (obiettivo 1: consolidare "matura consapevolezza dei meccanismi alla base della comunicazione socio- e inter-linguistica"; obiettivo 3: capacità di “elaborare giudizi autonomi e ben argomentati su questioni anche complesse relative agli specifici ambiti di competenza, valutando status e prestigio delle varie lingue e produzioni letterarie e promuovendo azioni volte a favorire il superamento delle barriere linguistico-culturali”, selezionando “correttamente dati di natura linguistico e storico-culturale elaborando personali e originali ipotesi interpretative” e sviluppando un approccio non solo teorico ma operativo”:) – prof. Di Martino:
• Di Martino, E., Celebrity Accents and Public Identity Construction. Analyzing Geordie Stylizations. London & New York: Routledge, 2020 (testo di studio).
• Wardhaugh, R., Fuller, Janet M., An Introduction to Sociolinguistics, 7th edition. Chichester: Wiley Blackwell, 2015 (manuale di riferimento).
Programma per i non frequentanti
Per la parte puramente linguistica, i non frequentanti dovranno studiare il testo di lingua (Navigate C1), compilare il workbook per intero e esibirlo all'esame. Quanto alla componente monografica del corso, la bibliografia è la stessa: gli studenti dovranno cioè studiare tutti i saggi indicati nelle Parti 2 e 3 di questo programma.

Metodo di insegnamento
Il corso si esplicherà, all'interno di ciascun incontro/lezione, attraverso una varietà di attività formative: momenti di lezione frontale, discussioni, spazi seminariali, ecc.
Si incoraggeranno l'espressione di giudizi personali ben argomentati e l'uso di metodologie di apprendimento autonomo.

Metodo di valutazione
Prova scritta
Prova orale
Nel corso delle due prove il candidato dovrà:
1. Dimostrare di aver raggiunto un livello di competenza comunicativa in lingua inglese pari al livello C2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue, ovvero saper
(a) comprendere con facilità praticamente tutto ciò che si sente e legge;
(b) saper riassumere informazioni provenienti da diverse fonti sia parlate che scritte, ristrutturando gli argomenti in una presentazione coerente;
(c) sapersi esprimere spontaneamente, in modo molto scorrevole e preciso, individuando le sfumature di significato più sottili in situazioni complesse.
2. Essere in grado di esporre gli argomenti linguistico-culturali in programma dimostrando competenza metalinguistica.
È facoltà del docente suddividere la valutazione in prove intercorso il cui esito sarà tenuto in conto ai fini della valutazione finale.

Note
La frequenza del corso è fortemente consigliata.
Gli studenti verranno considerati ‘non frequentanti’ se non avranno frequentato almeno i due terzi delle ore di lezione previste dal corso.
Per aggiornamenti/ulteriori informazioni si consiglia di consultare periodicamente la pagina personale del docente.

 

English version

Prerequisites
This course is for students with an advanced level of communication and metalinguistic analysis skills. Students must be able to understand and produce complex texts in English. They will also have to show mastery of advanced concepts and notions in linguistics, sociolinguistics, and discourse analysis.

Learning outcomes
The course aims to contribute to the consolidation of (1) a mature awareness of the mechanisms at the basis of socio- and inter-linguistic communication, above all in relation to highly specialised professional domains (mastering registers and specialised lexis) and a high capacity for historical-critical and translational analysis of texts in English; (2) the ability to understand and quickly interpret complex communications, controlling the specialized lexicons, knowing how to produce oral and written texts, above all of a professional or critical nature, in different stylistic registers in the various contexts of communication and exchange in national and international environments (of an institutional and administrative, cultural, tourist, commercial, etc., but also didactic nature), independently or even in charge of planning or coordination tasks (both in the case of professional contexts and in the case of educational and training contexts); (3) the ability to develop autonomous and well-argued judgments on even complex questions relating to specific areas of competence, evaluating the status and prestige of the various languages and literary productions and promoting actions aimed at favouring the overcoming of linguistic-cultural barriers, correctly selecting data of a linguistic and historical-cultural nature, developing personal and original interpretative hypotheses and developing, in the concrete areas of application of the acquired knowledge (whether it be teaching, communication, cooperation, integration, etc.), an approach which is not only theoretical but operational and allows to develop and implement effective strategies for solving the problems encountered; (4) solid communication skills, which allow to easily master the multiple registers of writing and speech in reference to recipients of all walks of life, background and culture and more or less specialized, showing to be able to summarize complex texts and communicate their content, in addition to create clear and effective professional relationships; (5) the ability to autonomously build specific lexicons, use the tools of analysis and learning methods developed to autonomously manage one's professional development, identify the appropriate tools and training paths for the enhancement of one's own cultural and specialist knowledge and professional skills

Course contents
The language course (Prof. Adrian Bedford) aims to guide students in achieving communicative ability corresponding to level C2 (CEFR). It will draw on the skills and abilities consolidated during the first year, paying particular attention to providing students with the basics of English for Specific Purposes in a series of professional contexts that reflect the more relevant areas of employment for a future language graduate. The first cycle of lessons will focus on a different professional context each week, focusing on the typical examples of interaction (written and oral) of each one. Students will be exposed to different types of materials (multimedia and on paper) found in various contexts such as the front desk or back office of a large company, a law firm, a financial services company, etc., and students will thus acquire specific vocabulary of the sector and will also study and learn to use the most frequent types of interaction found in the professional field (summarising and referring to data, organising and managing business meetings, negotiations, relations with the public, problem solving).
At the end of the first cycle, students will be guided in the creation of a CV (also in video format).
The activities during the second cycle will focus on preparing the simulation of a short UN meeting/discussion. This is a guided “collaborative competition” in which students work in groups to prepare a motion for the nation they represent, to be put to class vote. The best project will be chosen after the presentation of the various position papers in which each team describes the strengths and weaknesses of the country assigned to it after carrying out research work, negotiation, written and oral presentations and debate in a multidisciplinary context. For this work, it will be necessary to call upon knowledge of the world and develop primary skills that will be useful to students in their postgraduate careers.
The monographic course aims to provide the student with:
1. a theoretical framework related to the study of the dynamics associated with the media process of representing social actors in a perspective related to studies on identity and power in their most recent developments in linguistics through the use of authentic materials that will be analysed using applicational methods, tools and methodologies in order to foster the constant use of a critical approach to different types of text (Prof. Emilia Di Martino).
2. a brief overview of the state of the art of the trends contributing to the rapid evolution of translation technologies, which are increasingly pervasive in daily work practice, in order to reflect on how these changes must necessarily lead to a new approach to teaching translation; it will also give students the tools to use them with awareness, understanding both their strengths and limitations. Students will use translation technologies to gain a high level of skill in historical-critical analysis and translation of English texts, as well as to master the various text-types associated with the professional fields in addition to attaining a high degree of expertise in the management of registers, lexicons and subcodes)". (Prof. Daniela Cuccurullo).

Text Books
Part 1 (Objective 2: to consolidate the ability to understand and interpret complex communications quickly, "consulting specialist lexicons, knowing how to produce oral and written texts, especially of a professional or critical nature, in different stylistic registers" "in the various contexts of communication and exchange found in national and international environments, independently or in project or coordination roles”; Objective 4: to consolidate “solid communication skills”, which will allow students to master "the multiple registers of written and spoken matter in reference to recipients of every extraction and with varying degrees of specialisation", showing that they are "able to summarise complex texts and communicate their content, as well as draft clear and effective professional reports"; Objective 5: the ability "to independently build specific lexicons, use analysis tools and learning methods developed to independently manage their professional development, to identify the tools and training paths appropriate for the furtherance of their cultural and specialist knowledge as well as their professional skills”) – Prof. Bedford:

• Navigate Coursebook and Workbook C1 Bartram and Pickering, Oxford University Press.
• All students, whether attending or not, must be conversant with texts and examinations of the type most commonly found in examinations at C1 level to a degree fully compatible with the C2 level. For this purpose, they should prepare themselves using texts such as the Gold Advanced Coursebook or Cambridge Gold CAE by Cambridge University Press.
• Part 2 (Objective 1: "a high level of skill in historical-critical analysis and translation of English texts"; Objective 2: to consolidate the ability to understand and interpret "quickly, consulting specialist lexicons, knowing how to produce oral and written texts, especially of a professional or critical nature, in different stylistic registers" “in the various contexts of communication and exchange found in national and international environments, independently or in project or coordination roles” Objective 5: the ability "to independently build specific lexicons, use analysis tools and learning methods developed to independently manage their professional development, to identify the tools and training paths appropriate to the furtherance of their cultural and specialist knowledge as well as their professional skills”) – Prof. Cuccurullo:
• Menduni E and D’Autilia G (trad. Bedford, A.), Il Sorpass. Quando L’Italia si mise a correre. Lucecinecittà, SilvanaEditoriale
• Di Sabato, B., Di Martino, E., Testi in viaggio. Torino: UTET, 2011.
• Di Sabato, B., Mazzotta, P., Di Martino, E., Pergola, R. Apprendere a tradurre, Tradurre per Apprendere. Bari: Pensa, 2012, capp. 4, 6, 8, 10.
• Osimo, B. Traduzione e nuove tecnologie. Hoepli, 2001.
• Faini, P. Manuale teorico-pratico. Carocci, 2008.

Part 3 (Objective 1: to consolidate “a mature awareness of the mechanisms underlying social and inter-lingual communication”; Objective 3: the ability to “produce autonomous and well-argued judgements on even complex issues relating to specific fields of competence, assessing the status and prestige of the various languages and literary productions, and promoting actions to overcome linguistic-cultural barriers”, correctly selecting “linguistic and historical-cultural data, and drawing up personal and original interpretative hypotheses”, developing an approach that will not only be theoretical but also operational”:) – Prof. Di Martino:

• Di Martino, E., Celebrity Accents and Public Identity Construction. Analyzing Geordie Stylizations. London & New York: Routledge, 2020 (testo di studio).
• Wardhaugh, R., Fuller, Janet M., An Introduction to Sociolinguistics, 7th edition. Chichester: Wiley Blackwell, 2015 (manuale di riferimento).
Programme for non-attenders
The programme is the same for students unable to attend as it is for those attending on site, so non-attending students are expected to come to examination with a good knowledge of the topics and language covered by the coursebooks indicated above. In addition, they are required to complete the activities in the accompanying Student’s Workbooks and bring them to the oral exam as a demonstration of the work done.

Assessment methods
Written Examination
Oral Examination
Written Examination
Oral Examination
The final exam consists of a written test and an oral interview to:
1. assess candidates' competence at C2 level – in line with the CFE specifications: students must be able to:
(a) understand virtually everything heard or read with ease;
(b) summarise information from different spoken and written sources, reconstructing arguments and accounts in a coherent presentation;
(c) express themselves spontaneously, very fluently and precisely, differentiating finer shades of meaning even in more complex situations.
2. the exam will assess candidates' ability to critically discuss the themes included in the programme.

Notes
Attendance is strongly advised.
For updates and further information, students are advised to consult Professor Di Martino’s personal webpage on a regular basis.

 


Nota bene: per verificare la validità dei programmi degli anni accademici precedenti controllare su LePrE, nella scheda del singolo corso, le note presenti nelle sezioni orari di ricevimento e/o appelli di esame.
 

Ultimo aggiornamento: 9.12.2019 ore 11:55

Menù della Facoltà
Menù rapido
Menù principale
Conformità agli standard

XHTML 1.0CSS 3 | Conforme alle linee guida per l'accessibilità ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/21 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti