Dipartimento di
Scienze umanistiche

Avvisi

21.1.2020
Dipartimento di Scienze umanistiche

Master universitario di I livello in Medical Humanities. Esperto in scienze umane applicate alla cura, nel settore socio-sanitario

Master Universitario di I livello in
Medical Humanities
Esperto in scienze umane applicate alla cura, nel settore socio-sanitario

Il Master conferisce 24 CFU ai sensi del D.M. 616/2017 (competenze di base per l'accesso ai concorsi nella scuola)
Per il personale sanitario: Il personale medico che frequenta il Master Universitario gode dell'esonero per l'obbligo formativo ECM

Un Master per formare esperti del "prendersi cura", abili nell'applicazione delle Scienze Umane per la Medicina: comunicazione medico-paziente, biblioterapia, medicina narrativa, lettura interpretazione e costruzione di narrazioni, narrativizzazione della relazione di cura, umanizzazione delle cure, e ancora storytelling, competenza autobiografica, prevenzione della sindrome di burnout. Vuole offrire strumenti per l'acquisizione di saperi e competenze relazionali, narrative e comunicative, sempre più richieste al professionista del settore medico-sanitario, socio-educativo e psico-pedagogico.

Aree tematiche:
- Introduzione alle Medical Humanities: le nuove frontiere del dialogo tra scienze umane e medicina per il potenziamento della cura sanitaria e dei bisogni educativi speciali. Medical Humanities, bioetica, slow medicine
- Medical Humanities nella pratica clinico-assistenziale, per arricchire la relazione medico/paziente. Oltre la Evidence Based Medicine, umanizzazione delle cure nella pratica medica e assistenziale.
- Introduzione alla Narrative Medicine, medicina narrativa e narrazione della medicina; il futuro e il presente della Narrative medicine
- Biblioterapia. Le storie che curano.
- Competenza autobiografica e costruzione del sé: il professionista progetta se stesso e la sua professione
- Il racconto della malattia, la malattia come racconto: la malattia nelle opere letterarie, in quelle artistiche, cinematografiche e nelle video rappresentazioni.
- La malattia come metafora: ruolo e incidenza degli stereotipi sociali e culturali nel processo di interazione, relazione e cura tra medico e paziente.
- Storytelling. Leggere, comprendere e interpretare le storie. Costruzione e architettura delle narrazioni.
- Neuroretorica e neuronarratologia: il cervello che legge e scrive
- Pensiero narrativo: come l'essere umano racconta il sé stesso, le proprie esperienze di vita, tra cui la malattia, attraverso il filtro della propria cultura e delle proprie capacità espressive.
- Narrativa in azione, per l'intervento su: depressione, depressione post-partum, disturbi da stress post-traumatico, patologie neurodegenerative, cure palliative.
- Apprendimento riflessivo, discussione di casi in situazione, tirocinio, stage, bedside training, portfolio delle competenze, utilizzo di narrazione e autobiografia per l'apprendimento.

Attività formative e frequenza:
Modalità didattica: Blended (presenza/distanza) 120 ore lezioni frontali (30 incontri)
Periodo di svolgimento: aprile-luglio 2020

Per info: e-mail

Sito web, bando e iscrizione on line - Locandina (pdf)

© 2004/20 Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  ·  crediti

privacy  ·  versione accessibile  ·  XHTML 1.0 | CSS 3 | WAI-AAA WCAG 2.0