UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
Dipartimento di Scienze umanistiche
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Avvisi

4.3.2024
Corso di Laurea in Scienze dei beni culturali: turismo, arte, archeologia

UNISOB BOOTCAMP 2023/24 - Preparati per la MaturitÓ e per l'UniversitÓ con le lezioni del Suor Orsola Benincasa
Ciclo 'Viaggio nel secondo Novecento' - per il Corso di studi in Scienze dei beni culturali: turismo, arte, archeologia

Un programma di allenamento formativo intensivo che UNISOB ha pensato per chi Ŕ alle prese con la MaturitÓ e, allo stesso tempo, con la scelta degli studi dopo il diploma.

Lezioni a piccolo gruppo tenute da docenti e ricercatori universitari, didattica interattiva, esercitazioni: le discipline sono state scelte per consentire di approfondire i principali argomenti oggetto dell'Esame di Stato ma anche per entrare in contatto con tematiche utili a scegliere e affrontare al meglio il percorso universitario. Le attivitÓ si svolgeranno in modalitÓ online, fatta eccezione per l'ultimo incontro che si terrÓ in presenza presso la sede dell'Ateneo, per conoscere ancor pi¨ da vicino il mondo UNISOB.

Gli studenti possono aderire individualmente ma le attivitÓ possono anche entrare a far parte di specifiche convenzioni con gli istituti del territorio nell'ambito dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l'Orientamento.

Ciclo "Viaggio nel secondo Novecento"

Antico e moderno, storia e tecnologie, fiaba e realtÓ: un percorso fra opposti che si incontrano, si integrano e si uniscono per conoscere pi¨ da vicino e cercare nuove chiavi per interpretare e raccontare il Novecento, in bilico tra memorie e futuri.

Iscrizioni a questo collegamento

Numero massimo di partecipanti: 250

Programma delle lezioni

mercoledý 3 aprile 2024, ore 15.00-16.30 - ONLINE
Dr. House a Pompei
| dott. Franz Cerami, docente di Storytelling digitale - UNISOB
I nostri Beni Culturali. La memoria di una civiltÓ. Memoria. Storia. Una ricchezza straordinaria che ogni anno milioni di persone vogliono vedere, scoprire, indagare, toccare, ascoltare.
Ogni anno milioni di persone passeggiano per le stradine di Pompei, per i corridoi degli Uffizi, del Museo Archeologico, entrano ed escono da chiese, cortili, palazzi. Salgono su colli, montagne, castelli per guardare questi panorami fatti di edifici antichi, antichissimi, cupole di chiese, cattedrali, piazze.
Cosa cercano questi turisti? Storie. Cercano storie. Storie che raccontino il Bene Culturale. Storie in cui immergersi. Storie in cui rispecchiarsi. Storie per rileggere se stessi.

venerdý 12 aprile 2024, ore 15.00-16.30 - ONLINE
Da Cenerentola a Pinocchio. La tradizione fiabesca napoletana e italiana negli anni Settanta del Novecento tra folk e rock
| prof. Nunzio Ruggiero, docente di Letteratura italiana - UNISOB
Nel corso degli anni Settanta del XX secolo, due autori tra i pi¨ rappresentativi della cultura musicale napoletana hanno praticato, ciascuno per proprio conto ma con interessanti interferenze, il genere fiabesco. Roberto De Simone ed Edoardo Bennato attuarono un recupero della tradizione letteraria italiana tra Sei e Ottocento con due straordinarie fiabe per musica, ricche di risvolti letterari e di riferimenti all'attualitÓ. Tra musica e letteratura, la lezione intende presentare agli studenti un percorso che concilia le competenze retoriche e narratologiche del sapere letterario con l'analisi delle forme della musica pop, tracciando un rapido disegno di storia della cultura italiana e napoletana del secondo Novecento.

martedý 16 aprile 2024, ore 15.30-17.00 - ONLINE
La percezione visiva di Pompei ed Ercolano dalla scoperta al secondo Novecento
| dott.ssa Rosaria Ciardiello, docente di Itinerari archeologici in Campania - UNISOB
Gli eccezionali ritrovamenti pompeiani ed ercolanesi ebbero un straordinario impatto sulla percezione dell'antichitÓ, contribuendo a sviluppare un autentico gusto che si manifest˛ in tutti i campi artistici, non solo in Europa ma anche oltre oceano. Le scoperte suscitarono l'interesse di studiosi, viaggiatori e artisti che contribuirono alla loro diffusione, anche se, nella maggior parte dei casi, non si prest˛ molta attenzione all'attendibilitÓ archeologica quanto all'atmosfera dell'antichitÓ che trasmettevano. Ci˛ diede origine ad autentici e originali capolavori che hanno fatto rivivere, rendendo immortali, sotto una forma nuova e diversa, gli straordinari rinvenimenti.

giovedý 18 aprile 2024, ore 15.00-16.30 - ONLINE
Idea di Napoli. Tra immagine concetto
| prof. Gennaro Carillo, docente di Storia del pensiero politico - UNISOB
Da Vico a Benjamin e oltre, la filosofia ha riservato a Napoli un trattamento peculiare. L'ha sempre ritenuta qualcosa di ulteriore rispetto a una semplice cittÓ: un costrutto semiotico, un coacervo di simboli, una metafora, una rappresentazione, una 'scena', un'idea. ╚ stato dunque inevitabile, per la filosofia, incontrare la grande letteratura che, da Boccaccio a Pasolini, da La Capria a Starnone, ha assunto Napoli come "riserva di narrabilitÓ" (per usare l'espressione di Peter Brooks) o risorsa narrativa pressochÚ inesauribile.

martedý 23 aprile 2024, ore 15.00-16.30 - ONLINE
L'Europa tra guerra fredda e processi d'integrazione
| prof. Eugenio Capozzi, docente di Storia contemporanea - UNISOB
Gli anni successivi alla fine della seconda guerra mondiale rappresentano per le nazioni europee la fine di una lunga egemonia mondiale e una stagione di nuova, radicale contrapposizione ideologica, in cui il continente si trova in prima linea nel confronto militare tra le due superpotenze e tra due modelli speculari di societÓ. Ma sono anche gli anni in cui i paesi dell'Europa occidentale, uniti sotto l'egida degli Stati Uniti, pongono le basi per una grande rinascita economica, quella del "boom" degli anni Cinquanta e Sessanta, e della nascita delle "societÓ del benessere". E sono anche gli anni in cui essi superano divisioni secolari nel segno della democrazia liberale e dell'economia di mercato attraverso il processo di integrazione europea, nato dall'intesa italo-franco-tedesca e concretizzato nella nascita della CECA e della CEE.
Il modello economico, politico e sociale europeo entrerÓ poi in crisi, paradossalmente, proprio con il tramonto della guerra fredda: vittima dello stesso successo dell'Occidente e della globalizzazione che esso aveva costruito, che porrÓ le grandi democrazie industrializzate davanti a nuovi competitori, e alle sfide di un multipolarismo imperniato su poli di civiltÓ molto eterogenei.

martedý 30 aprile 2024, ore 15.00-16.30 - IN PRESENZA presso la sede dell'Ateneo
Edutainment per la valorizzazione del Patrimonio architettonico e artistico tra Primo e Secondo Novecento a Napoli
| prof.ssa Emanuela Lanzara, docente di Tecnologie per i Beni Culturali - UNISOB
La lezione intende presentare agli studenti due applicazioni realizzate per la divulgazione e fruizione virtuale interattiva del patrimonio urbano, architettonico e artistico napoletano del Novecento: la digitalizzazione di arredi appartenenti alla collezione dell'intellettuale eclettico Rocco Emanuele Pagliara (1855-1914), documentati, restaurati e virtualmente ricollocati all'interno della Villa Carafa di Belvedere, originario contesto di riferimento per la conservazione ed esposizione dei pezzi, successivamente trasferiti presso l'Istituto Suor Orsola Benincasa; la ricostruzione e contestualizzazione virtuale, nell'ambito della realizzazione della Mostra d'Oltremare tra Primo e Secondo Novecento, della Torre del Partito Nazionale Fascista di Luigi Cosenza e dell'Arena Flegrea di Giulio De Luca.

Men¨ del Dipartimento
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 3 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/24 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti