UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
FacoltÓ di Lettere
ModalitÓ di navigazione
Percorso
Contenuto

Corso di laurea magistrale interclasse in
Archeologia e Storia dell'arte

a.a. 2018/19

Prospettive occupazionali

Archeologo - Storico dell'Arte - Conservatore dei Beni Culturali

Funzione in un contesto di lavoro:
La figura professionale formata dal Corso potrÓ operare con funzioni di elevata responsabilitÓ nelle istituzioni preposte alla conservazione e valorizzazione del patrimonio archeologico, come Soprintendenze e musei; negli organismi e unitÓ di studio e di ricerca, di conservazione del patrimonio archeologico, artistico, documentario e monumentale presso enti ed istituzioni, pubbliche e private (quali Comuni, Province, Regioni, fondazioni); in societÓ, cooperative e altri gruppi privati in grado di collaborare in tutte le attivitÓ, dallo scavo alla fruizione pubblica, con gli enti preposti alla tutela del patrimonio archeologico; nelle attivitÓ dell'editoria, della pubblicistica e di altri media specializzati in campo archeologico.

Le competenze associate alle funzioni su espresse, a prescindere della scelta (archeologia o storia dell'arte), sono quelle che consentono al leureato di essere in grado non solo di valutare, catalogare e interpretare le emergenze dei BBCC del territorio, ma anche di inquadrarle nel contesto storico dell'epoca di riferimento, dimostrando alta professionalitÓ e conoscenze peculiari in settori specifici che caratterizzano l'ampio campo della ricerca. Il Corso, cosý come progettato, insiste su un alto grado di specializzazione nelle tematiche che caratterizzano le diverse metodologie, della ricerca archeologica come di quella storico-artistica, consentendo allo stesso tempo spiccate capacitÓ di gestione delle nuove tecnologie (diagnostiche, modellistiche e di controllo del territorio) ormai affermate anche nel campo della conservazione, della tutela e del restauro dei BBCC. Dall'altro prevede una maggiormente approfondita conoscenza storica tout-court e storico-culturale e letteraria soprattutto delle fonti classiche e medievali, e della loro interrelazione con la ricerca archeologica e storico-artistica, ma anche di tutte le altre tipologie di documentazione scritta atte alla caratterizzazione storico-intellettuale del manufatto archeologico e artistico.

Le funzioni di coordinamento degli sbocchi professionali su catalogati si avvarranno anche della capacitÓ del laureato di gestire la tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale in una prospettiva integrata con lo sviluppo locale, le vocazioni territoriali specifiche e, nello stesso tempo, a concepire in proiezione nazionale e internazionale le realtÓ archeologiche e storico-artistiche locali.

Competenze associate alla funzione:
Sbocchi professionali per il quali il CdS fornisce una preparazione utilizzabile nei primi anni di impiego nel mondo del lavoro:
a. istituzioni preposte alla conservazione e valorizzazione del patrimonio archeologico, come Soprintendenze e musei;
b. organismi e unitÓ di studio e di ricerca, di conservazione del patrimonio archeologico, artistico, documentario e monumentale presso enti ed istituzioni, pubbliche e private (quali Comuni, Province, Regioni, fondazioni);
c. societÓ, cooperative e altri gruppi privati in grado di collaborare in tutte le attivitÓ, dallo scavo alla fruizione pubblica, con gli enti preposti alla tutela del patrimonio archeologico;
d. attivitÓ dell'editoria, della pubblicistica e di altri media specializzati in campo archeologico.

Sbocchi occupazionali:
Il laureato potrÓ trovare occupazione:
a. nelle istituzioni preposte alla conservazione e valorizzazione del patrimonio archeologico, come Soprintendenze e musei;
b. in organismi e unitÓ di studio e di ricerca, di conservazione del patrimonio archeologico, artistico, documentario e monumentale presso enti ed istituzioni, pubbliche e private (quali Comuni, Province, Regioni, fondazioni);
c. in societÓ, cooperative e altri gruppi privati in grado di collaborare in tutte le attivitÓ, dallo scavo alla fruizione pubblica, con gli enti preposti alla tutela del patrimonio archeologico;
d. nelle attivitÓ dell'editoria, della pubblicistica e di altri media specializzati in campo archeologico.

Un ulteriore sbocco professionale Ŕ rappresentato dalla possibilitÓ di accedere ai corsi e ai concorsi per l'insegnamento medio e superiore nelle classi previste dalla normativa vigente. Tale sbocco si avvale in particolare delle giÓ accennate competenze storiche e storico-letterarie dei laureati.

Men¨ della FacoltÓ
Men¨ rapido
Men¨ principale
ConformitÓ agli standard

XHTML 1.0CSS 3 | Conforme alle linee guida per l'accessibilitÓ ai contenuti del Web - livello tripla A


© 2004/19 UniversitÓ degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli  | Crediti